giovedì 28 aprile 2011

Pompelmo e uovo in camicia per "Il cigno nero"

Mamma mia che film! Pazzesco! Mi è piaciuto tantissimo per la sua irrazionalità, l'originalità......TUTTO! Ho sempre avuto un debole per questo genere di film...e devo dire che questo è molto ma molto più inquietante di qualsiasi horror. E' impensabile che il cervello di una persona possa arrivare a tanto ma il film ripropone il tema della follia in modo impeccabile! Appena uscito nelle sale pensavo che fosse di una noia mortale, insomma la storia di una ballerina di danza classica non mi attraeva più di tanto, poi sentendo i commenti degli altri e incoraggiata dall'Oscar dato a Natalie Portman mi sono detta: "Ok, ci provo!" e adesso non vedo l'ora che esca in dvd per aggiungerlo alla mia collezione!
Credetemi, certe scene sono davvero tremende, quindi se siete facilmente impressionabili, per un attimo chiudete gli occhi! Uscita dal cinema la prima cosa che ho detto è stata: "giuro che mai più mi toglierò una pelliccina dalle unghie!"....chi l'ha visto sa a cosa mi riferisco! Huh! In ogni caso Natalie Portman è davvero fantastica, da applauso, mai un Oscar fu più meritato di questo! Vedetelo e mi darete ragione!
Il film racconta la storia di Nina, una ballerina insicura e fragile che vive con una madre iper possessiva. Avendo dovuto lasciare la danza a causa della gravidanza, la madre vede Nina come uno specchio della sua gioventù privata e la incoraggia ad intraprendere il suo stesso cammino. Le frustrazioni di Nina aumentano quando le viene affidato il ruolo di cigno bianco dal coreografo della New York City Ballet, Vincent Cassel. Quest'ultimo decide di inscenare il Lago dei cigni con una ballerina sola che avrà il compito di rappresentare entrambi i cigni, quello bianco e quello nero. Nina però è troppo buona, troppo perfetta per aggiudicarsi il ruolo di cigno nero ma riesce comunque ad accaparrarsi entrambe le parti e inizia a lavorare faticosamente sullo spettacolo. Nonostante il ruolo di cigno nero non gli si addica, nel tentativo di non perderlo inizia a dedicarsi fanaticamente al ruolo, a tal punto da ossessionarsi in modo quasi maniacale al personaggio attraverso allucinazioni e psicosi che le fanno credere di essere un vero e proprio cigno.
Nel film non esiste una vera e propria ricetta dato che il cibo è fuori questione......Nina è bulimica e il suo perfezionismo nell'essere una brava ballerina sconfina anche in questo ambito. Una scena in particolare mostra chiaramente quanto il cibo possa contare per Nina ed è quella della sua colazione: pompelmo e uovo in camicia (io non avevo il pompelmo e ho utilizzato un'arancia) Per me questa è stata la scena sicuramente più inquietante del film! :-/



Scena del film







Ricetta:

1/2 pompelmo
1 uovo
2 cucchiai di aceto
acqua

Riempire una pentola di circa 15 cm per i 3/4 di acqua e quando bolle aggiungere l'aceto. Abbassare la fiamma per far sobbollire l'acqua e con un cucchiaio girare l'acqua in modo da formare un vortice. Rompere l'uovo in un contenitore e far scivolare l'uovo dentro il vortice delicatamente. Lasciar cuocere per 3 minuti e togliere l'uovo delicatamente con una schiumarola e asciugarlo con della carta da cucina.

15 commenti:

  1. non ho mai provato a fare l'uovo in camicia.. però mi hai fatto venire voglia :)
    il film è piaciuto molto anche a me.. inquietante e affascinante :)

    RispondiElimina
  2. ti assicuro che è buonissimo! Tra due fette di pane poi...che te lo dico a fare! :-) baci

    RispondiElimina
  3. ti capisco quando parli della "pellicina!" ....TRE ME NDO!!!! :P
    il film è piaicuto tantissimo anche a me e devo dire che non credevo nemmeno io a queso film fin quando non l'ho visto
    e lei, ha meritato alla grande il suo oscar! Bello, e bravissima tu che lo hai inserito nel tuo blog!bravissima Cla ^_^

    RispondiElimina
  4. MMMh, mi sa che mi devo cimentare nell'uovo in camicia!**Non ci ho mai provato, ma il tuo mi ispira molto!:)

    RispondiElimina
  5. Ciao Claudia, spero di riuscire a vedere il film perchè mi hai molto incuriosito, mentre al trailer non avevo fatto molto caso. L'abbinamento dell'uovo e del pompelmo beh...ottimo per la dieta che dovrei decidermi ad iniziare ;) Un bacione, Alex

    RispondiElimina
  6. Ha! A me invece il film non e' piaciuto molto. Anzi gli ho fatto una recensione alquanto acida sul blog. Lol

    RispondiElimina
  7. x Cranberry: grazie...anche se come ricetta...mmmm è un pò scarna...però lo dovevo mettere ...baci
    x Simona: ti assicuro che è molto più semplice di quanto pensavo! Basta avere un pò di accortezza! In bocca al lupo
    x Alex: guarda se ti può interessare su internet ho scoperto che questo piatto fa parte proprio di una dieta che si dice che natalie portman abbia seguito per fare il film....io continuo a stimare quella mediterranea :-)
    x Beda: non sei l'unica..anche altre ragazze mi hanno detto la stessa cosa però mi hai incuriosito...voglio vedere la tua recensione :-) baci
    x Mirtilla: grazie mille ^_^

    RispondiElimina
  8. Ciao Claudia, piacere di conoscerti!! Entro ora per caso nel tuo blog e devo farti i complimenti per l'originalità, abbinare il cibo ai film e riproporli... davvero originale ^_^
    Non vado spesso al cinema, piuttosto preferisco prendere dei dvd e vedermeli a casa, da adesso in poi, seguirò i tuoi post per sapere le tue recensioni.... Brava!!
    Se ti va di passare da me, sarai la benvenuta!!
    Un abbraccio,
    Franci

    RispondiElimina
  9. Ciao francesca, piacere! Grazie mille per il tuo commento...mi fa molto piacere...passerò senz'altro a vedere il tuo blog!
    un bacione

    RispondiElimina
  10. Post ineressantissimo: mi hai fatto venir voglia di vedere il film...e di cucinarmi le ova !!
    Buona domenica !

    RispondiElimina
  11. Il Cigno nero è uno di quei film che è piaciuto tantissimo anche a noi, inquietante, ma davvero bellissimo, la regia è incredibile, è tutto un crescendo. Le uova in camicia...da quanto non le facciamo, ultimamente ci siamo più dati alle frittate. Di sicuro l'abbinamento con il mezzo pompelmo è particolarissimo!
    Bacioni da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  12. x chiara e germano: grazie ;-)baci
    x luca e sabrina: sono contenta che anche a voi sia piaciuto...l'abbinamento delle uova con il pompelmo è l'unica cosa che davvero mi ha lasciato senza parole e in confidenza vi dico che le ho mangiate separate :-p baci

    RispondiElimina
  13. Ma sei di Genova? è un po' che seguo il tuo blog ma non l'avevo ancora visto! Anche io! =) la prossima volta che si organizza qlc tra blogger genovesi te lo scrivo! =)

    RispondiElimina
  14. no...mi dispiace non sono di lì :-)

    RispondiElimina

La parola "commento" proviene dal latino "commèntum" che significa "trovato" o " parto della mente" ed ha la stessa base etimologica di "commentàri" che significa meditare e immaginare.