martedì 12 aprile 2011

Pizza di Pasqua

Con questa ricetta partecipo al contest di un Pizzico di Cannella  "Cannellami"







 Uno dei miei dolci preferiti: la pizza di Pasqua (dolce). Come si fa a resistere a questa tentazione. Morbida, profumatissima e versatile. Mai provata con un bel pezzo di uovo di Pasqua? Allora cosa aspettate? Ecco la ricetta:

Per il lievitino:

2 cubetti di lievito di birra
200 g. di farina 00
70 ml. di latte

Per la pizza:

300 g. di zucchero
400 g. di farina di manitoba
400 g. di farina 00
7 uova
1 pizzico di sale
70 g. di strutto
1 cucchiaio di semi di anice
1 cucchiaio di cannella
100 ml di liquori misti (sambuca, mandarinetto, strega, amaretto, alchermes, vermouth, rhum....)
2 bustine di vanillina
scorza grattugiata di 1 arancia
scorza grattugiata di 1 limone
a piacere fialette di aromi vari ( io ho messo: arancia, limone, vaniglia, fiori d'arancio e anice)


Per la glassa reale (opzionale):

1 albume
150 g. di zucchero a velo vanigliato
confettini colorati
(per la ricetta cliccare qui)

Preparare il lievitino con 100 g. di farina, il latte e il lievito di birra sciolto. Lasciar lievitare in luogo riparato fino al raddoppio. Aggiungere i restanti 100 g. di farina e lasciar lievitare una seconda volta.
A parte mischiare tutti gli aromi (liquori, scorze, fialette, semi..) in un bicchiere e lasciar riposare per un'ora così da far evaporare un pò l'alcol  (importante per avere una buona lievitazione!).
In una ciotola capiente iniziare a lavorare l'impasto all'incirca per 15 minuti aggiungendo tutti gli ingredienti e il lievitino. L'impasto dev'essere morbido ma non appiccicoso, se serve unire altra farina ma consiglio vivamente di non abbondare. Imburrare e infarinare la teglia per la pizza di pasqua ( o come dico io "la ciotola per cani") e sistemarvi l'impasto ( con queste dosi vengono due pizze grandi ) e lasciarlo lievitare in luogo caldo fino a farlo raddoppiare ( io metto l'impasto sopra al motore del frigo ;-). Quando l'impasto si trova quasi al bordo della teglia a mò di cupola (tipo babà) è pronto. 
Infornare in forno già caldo a 170° per 40-45 minuti con una ciotolina di acqua sul fondo del forno per creare un pò di vapore per evitare di seccare troppo la pizza. Togliere dal forno e lasciar freddare. Se si vuole, glassarla con la glassa reale e quando questa è asciutta conservarla in un sacchetto di cellophane (la pizza tende a seccarsi un pochino).


13 commenti:

  1. Che bell'idea!!!
    Non avevo mai sentito parlare di questa pizza di Pascqua... La proverò sicuramente ^.^

    RispondiElimina
  2. Qui da noi è un must! Te la consiglio vivamente! ;-) baci

    RispondiElimina
  3. Bella!Anche io la faccio, cè un dolce tradizionale della mie parti, ma come scrivi alla fine ci mettiamo la glassa sopra e i canditi dentro.
    Cmq sono sempre buonissime e bellissime da vedere :)

    RispondiElimina
  4. mnmnmnmn dev'essere buona anche la tua versione! Bella variante ;-)

    RispondiElimina
  5. Ammaaaaappate se mi piace !!!! Imponenete sontuosa bellissima *_* la inserisco di corsa !!!

    RispondiElimina
  6. E in effetti come si fa a resistere ad una pizza dolce del genere? :D

    RispondiElimina
  7. Ma che bella!!! E che bella ricetta!!! Se riesco la provo, oppure... la provo lo stesso, ma dopo Pasqua ;))) Bellissima davvero e tanti complimenti

    RispondiElimina
  8. ciao Claudia sono una tua sostenitrice da qualche tempo e devo dire che questo blog è quello che tra tutti mi piace di più perchè anche io sono un'appassionata di film e l'idea di accoppiare ad un film la sua ricetta e davvero stupenda. baci dorris

    RispondiElimina
  9. Per Giulia: sono contenta che ti piace! Te la consiglio perchè sono sicura che ti piacerà ;-) baci
    Per Dorotea: Mi fa molto ma molto piacere....è davvero un bel complimento che mi spinge ad andare avanti e a migliorarmi...grazie di cuore! :-) baci

    RispondiElimina

La parola "commento" proviene dal latino "commèntum" che significa "trovato" o " parto della mente" ed ha la stessa base etimologica di "commentàri" che significa meditare e immaginare.