lunedì 4 aprile 2011

Padellata di verdure per "Boris"



Non male! Diciamo che non è il genere di film che vedo volentieri ma non mi è dispiaciuto. Lo consiglio a tutti coloro che s'interessano di cinema e vogliono capire come funziona l'industria cinematografica in Italia. Uno schifo in poche parole! La storia di un povero regista che decide di mettere in scena un film di denuncia sul mondo dei politici e che si ritrova per forza di cose a dover rinunciare al suo progetto per abbracciare l'idea dei classici e patetici cinepanettoni. Nel film ritroviamo la classica attricetta montata, il grande attore tossico, gli sceneggiatori figli di papà che sfruttano giovani universitari talentuosi per i loro script, il regista idealista, la troupe cinematografica scarsa ma fedele al volere del regista e quella fatta di grandi professionisti interessati solo al loro nome e ai soldi. Il tutto in un contesto comico e drammatico che evidenzia tutto ciò che non va nel mondo del cinema italiano......la scena in cui non riescono a girare il film a causa dei finti bombardamenti di un film americano rende bene l'idea di quanto valore possa avere il cinema in Italia. Chi ha visto la serie su Sky sicuramente avrà una visione più completa della mia e già saprà di cosa sto parlando e per chi invece non l'ha vista, non disperate, stiamo sulla stessa barca. :-)
Per quanto riguarda la ricetta...beh, niente di più semplice...padellata di verdure. Nel film gli sceneggiatori pur di non lavorare si dedicano ai passatempi più disparati come cucinare, giocare a tennis, ecc. e invece di preoccuparsi dell'opera di Renè Ferretti (il regista) passano la maggiorparte del loro tempo a divertirsi a spese dei poveri giovani che si trovano nella stanzetta a fianco a lavorare per loro come muli di fronte al pc. E come dice la canzone "è l'Italia che va".







Ricetta:

1 melanzana
1 peperone rosso
1 pomodoro grande
1 cipolla media
2 zucchine
1 spicchio d'aglio
sale, pepe
olio extravergine di oliva
prezzemolo e aromi vari

Far soffriggere la cipolla e l'aglio e aggiungere la verdura tagliata a cubetti, aggiustando di sale e pepe. Lasciar cuocere per 10-15 minuti con il coperchio. Volendo si possono aggiungere due cucchiai di aceto durante la cottura e servire le verdure fredde.


12 commenti:

  1. mi piacciono le tue recensioni,le leggo sempre con molto piacere!!
    buonissimo questo piatto,baci

    RispondiElimina
  2. Grazie mi fa molto piacere! ;-)

    RispondiElimina
  3. la serie tv è una delle mie, ho paura che versione film mi deluda un po', ma sicuramente lo vedrò presto! :)

    RispondiElimina
  4. Manco da un po’ ma è un piacere trovare questa gustosa e veloce padellata in onore di un film davvero interessante e sicuramente da non perdere, brava!Baci

    RispondiElimina
  5. x lele: io non l'ho vista ma i miei amici che l'hanno vista mi hanno detto che il film non li ha delusi...provare per credere! ;-)
    x meggy: ciao bella...io pure sono mancata per un bel pò...è bello ritrovarti baci

    RispondiElimina
  6. ero proprio curiosa di sapere cosa ne pensassi di questo film! E la padellata di io la faccio verdure spessissimo!

    RispondiElimina
  7. (...ho lasciato la frase a metà, ovviamente volevo dire "mie preferite") ;P

    RispondiElimina
  8. Il film non dico ancora niente perche non l'ho visto ancora, ma mi prendo la padellata!

    RispondiElimina
  9. la serie è mitica, sono curiosa di vedere anche il film!

    RispondiElimina
  10. Non avevo sentito parlare di questo film ma a proposito di come funziona L'Italia è appena uscito il film "C'è chi dice no" c'è da ridere per non piangere. Ciao Klod

    RispondiElimina
  11. Il film non l'ho ancora visto ma la serie è spassosissima e molto graffiante e il cast è composto da veri professionisti ! Penso che lo andrò a vedere.
    Bella la padellata di verdure...:-)
    Buona domenica.
    Chiara

    RispondiElimina
  12. Esilarante pure questo!! Mi è molto piaciuto :D Soprattutto la scena di quando lui deve convincere quell'attrice ad accettare il ruolo e s'immedesima nel suo modo sdi esprimersi che è allucinante!
    Ti devo seguire per forza!! XD

    RispondiElimina

La parola "commento" proviene dal latino "commèntum" che significa "trovato" o " parto della mente" ed ha la stessa base etimologica di "commentàri" che significa meditare e immaginare.