domenica 31 ottobre 2010

Brownies per "La casa delle anime perdute"

Oggi che è Halloween vi propongo un film spaventosissimo del 1991 che poche/i di voi conosceranno. Un giorno parlando con mia cugina, le dissi che quando ero piccola avevo visto un film horror che non avevo mai più visto in dvd o cassetta e che mi aveva fatto accaponare la pelle dalla paura. Anche lei l'aveva visto ma non sapevamo proprio come si chiamava, entrambe però avevamo un brutto ricordo di quel film. Cerca, ricerca, cerca e ricerca alla fine l'abbiamo trovato. Ci siamo messe in salotto a luci spente, con la coperta fino al collo e una tazza di cioccolata calda e l'abbiamo rivisto. Beh, l'effetto è stato sempre quello. Forse un pò meno pauroso dato che i film di una volta hanno effetti speciali poco credibili, ma vi assicuro che tra tutti i film horror questo è stato il peggiore. Ogni volta che mi chiedono: "qual'è il film horror che più ti ha fatto paura?" rispondo sempre questo. Forse è proprio per la sua semplicità che mi ha fatto paura, non so, ma devo dire che è molto meglio di altri. La storia è ispirata ad un fatto realmente accaduto (e non è il solito stratagemma per vendere di più!) e il film è stato trasmesso solo in tv, quindi non penso che lo troverete facilmente. Non ci sono attori famosi e il film sembra più un documentario che un vero e proprio film. Fortunatamente lo potete trovare interamente su YouTube in inglese. La storia è vista e rivista e si concentra su una famiglia che si traferisce in una casa infestata da tre fantasmi e un demonio. Sin da subito iniziano ad accadere fenomeni strani che mettono in crisi la famiglia e nonostante i continui appelli alla chiesa, non ricevono alcun aiuto. Ve lo consiglio.
La ricetta presente nel film è squisita e sono i brownies che una vicina di casa prepara loro per fare amicizia. Perchè quando mi sono trasferita io, nessuno me li ha preparati? :-(




sabato 30 ottobre 2010

Arrosto per "The uninvited"

Sin da piccola mi sono sempre piaciuti i film dell'orrore. Case infestate, zombie, atmosfere lugubri... tutto ciò che potesse farmi paura. Mi ricordo ancora il primo film horror che vidi da piccola: Zombi di George A. Romero del 1978, uscito con Panorama. Lo vedevo sempre e così mia madre decise di farlo sparire, convinta che non fosse adatto alla mia età. Ancora mi ricordo la copertina :-(. Ne ho visti una marea e la maggiorparte delle volte ne rimanevo delusa. Si, perchè non erano mai come me li immaginavo. Non mi facevano paura, al massimo davano un pò di tensione. Quindi con gli anni mi sono abituata a vedere i thriller, che sono molto più credibili, anche se non rinuncio ad un "bel" horror. E questo è il caso di "The uninvited" in cui niente è come sembra e tutto gira intorno all'intrigo. Anna è ricoverata in un ospedale psichiatrico per un tentato suicidio, dovuto alla perdita della madre malata. Quando torna a casa, scopre che l'ex infermiera della madre ha una relazione stabile con il padre. Con l'aiuto della sorella e dello spirito della madre, cerca di convincere il padre del presunto omicidio della madre da parte dell'infermiera, purtroppo senza riuscirci. Convinta della cattive intenzioni della matrigna, Anna cercherà di difendersi da sola. Ma non tutto è come sembra! Se non avete niente da fare per la sera di Halloween vedetevelo!
La ricetta legata al film è l'arrosto che la matrigna prepara in una cena tra amici. Purtroppo Anna lo lascia cadere, scatenando l'ira della cuoca che non la prende molto bene!




mercoledì 27 ottobre 2010

Biscotti caserecci per "Matrix"

Ci sono certi film che quando escono al cinema spopolano nel vero senso della parola. Si crea una sorta di mania dove anche un oggetto insignificante acquista un valore particolare. E' il caso di Matrix e degli occhiali di Neo (Keanu Reeves). Mi ricordo che appena uscito il film sono nati gli occhiali alla Matrix. Tutti dicevano "voglio comprare gli occhiali alla Matrix perchè fa figo!" E non si rendevano conto che non erano gli occhiali che rendevano figo, ma il personaggio del film. Ciò nonostante chi li indossava acquistava automaticamente l'aura di figo che lo rendeva particolarmente attraente e lo faceva salire in cima alla classifica "Chi assomiglia più a Neo!" Che poi scusate.......ma che nome è "Neo"? Se questo è figo allora pure uno scricciolo che si chiama "Brufolo" dovrebbe diventare un sex symbol! Mah! Comunque il film in questione è divenuto famoso non solo per questo motivo ma anche per aver diffuso e migliorato la tecnica del "bullet time", dove l'immagine va a rilento ma l'inquadratura gira normalmente intorno alla scena , non a caso ha vinto tantissimi premi tra cui 4 Oscar. La trama è un pò complessa a mio avviso. Io ancora sto cercando di capirla. Comunque il tema principale è la tecnologia che sovrasta la razza umana (e fin qui niente di nuovo). Gli automi prendono il dominio sull'uomo sfruttando come energia primaria il loro calore, dato che l'energia del sole era già stata annullata dal  tentativo dell'uomo di fermare le macchine. Così le macchine hanno la meglio sull'uomo imprigionandolo nel loro mondo computerizzato che da l'illusione di vivere una realtà normale. Il mondo si chiama Matrix, ovvero una realtà virtuale che dipende da un server: "Sorgente". Nessuno si accorge di essere schiavo di Matrix, solo i gruppi facenti parte della Resistenza, tra cui Neo, l'eletto che salverà la razza umana. Insomma è come come se voi viveste dentro il computer pensando di vivere la realtà di tutti i giorni, dove i carabineri sono programmi antivirus e la scuola è Microsoft Word. Non so se rendo l'idea! Comunque la ricetta legata al film sono i "biscotti caserecci" preparati dall'oracolo a Neo. Strano sentir parlare di casereccio in un mondo computerizzato, non vi pare? Eppure eccoli qui, fragranti e gustosi!




Finalmente un buon sito di pasticceria!


Non so voi ma dalle mie parti trovare dell'attrezzatura professionale da pasticceria è sempre un'impresa. Ogni volta devo percorrere km e km di strada per reperire qualche attrezzo particolare o ingrediente introvabile. Per non parlare delle spese. Si sa che l'attrezzatura professionale costa un pò di più e il tutto, sommato al costo del viaggio, diventa una spesa difficile da sostenere. Ma per noi, appassionate di pasticceria, l'uso di questi accessori è indispensabile. Adoro guardare i pasticceri che con i loro attrezzi sfornano creazioni meravigliose e ogni volta mi rammarico del fatto che io non riesca a trovarli. Un esempio? Il termometro da caramello. L'ho cercato per mari e per monti ma non ho mai trovato un negozio che lo vendesse. Beh, adesso l'ho trovato ed è "Caramellandia". Il paese dei balocchi per noi appassionate di pasticceria. L'ho scovato girando qua e là per internet e devo dire che ha veramente di tutto e di più. Che bello! Niente più viaggi alla ricerca di utensili introvabili! Tutto comodamente a casa e come se non bastasse, per tutti i miei lettori è riservato lo sconto del 10%! Per chi fosse interessato, basta indicarlo tra le note, al momento della registrazione.  ;-) Grandioso, non vi pare? Non vedo l'ora di comprarmi le teglie con il fondo mobile e il termometro. Finalmente potrò temperare il cioccolato e realizzare dei bei cioccolatini come quelli delle pasticcerie. Allora segnatevelo..........Caramellandia! Buona pasticceria!

lunedì 25 ottobre 2010

Quadrotti al mascarpone per "Bride wars, la mia migliore nemica"

Davvero carino e divertente. L'ho visto svariate volte e mi sono proprio divertita. Sinceramente mi sono sempre piaciuti i film dispettosi, dove i protagonisti s'inventano di tutto pur di avere la meglio. E questo è il caso di "Bride Wars". Due amiche, che sin dall'infanzia sognano il giorno del loro matrimonio, ricevono contemporaneamente la proposta di matrimonio dai rispettivi fidanzati e decidono di organizzarlo al Plaza. Una sarà la damigella dell'altra ed entrambe si sposeranno nel posto prestabilito in giorni diversi. Un solo problema: un errore di prenotazione ha compromesso i loro piani e rimane una sola data disponibile, quindi si dovranno sposare nello stesso giorno, chi rinuncerà? Non si sa.. ma è certo che le due ( Anne Hathaway e Kate Hudson ) daranno vita ad una vera e propria guerra, tra abiti costosissimi e torte mozzafiato. Forse è un film più per donne che per uomini, non penso che i maschietti amino questo genere di film.... troppo femminile, troppo merlettato! :-)
La ricetta del film è buonissima. "Quadrotti al mascarpone" che Kate Hudson assaggia nello studio della wedding planner più famosa di New York, Marion St. Claire,  per scegliere i dolci da presentare al suo matrimonio. La crema si presta benissimo anche per preparare un ottimo rotolo ripieno.


Con questa ricetta partecipo al contest


venerdì 22 ottobre 2010

Tanti auguri Shenny!


Chi non è amante degli animali non può capire quanto bene si possa provare per delle bestioline così dolci e affettuose e sicuramente considererà questo post inutile e ridicolo. Chi mi segue già sa che li adoro e sono fiera di dire che senza di loro non saprei come fare.Più ci si convive, più s'impara a conoscerli e sono moooooooooolto meglio delle persone! MOOOOOOLTOOOOO!
Quando venne a mancare Cleo, il mio amatissimo Shih-Tzu, fu davvero un brutto colpo per me e mia madre.  Piano piano, con il tempo, ci abituammo alla sua assenza ma la sua mancanza era insopportabile. Così adottammo una trovatella, Lilli. Continuava però a mancarci qualcosa, e così adottammo Shenny e poi venne Ronnie.... e così via! Ognuno ha il suo carattere. Lilli è molto diffidente, ha patito molto ed è normale che non si fidi più degli esseri umani. Ronnie é un pazzerello, sempre pronto a combinare guai e mangiare qualsiasi cosa gli si presenti davanti! Shenny è il cocco di casa. Non è un cane.... è una persona! Ha degli atteggiamenti indescrivibili, è troppo intelligente! Purtroppo ultimamente non è stato molto bene. Ha dovuto subire il secondo intervento alla schiena a causa di una brutta ernia al disco e non vi dico come stavamo in pensiero per lui. Spero di non dover mai più metter piede in quella clinica veterinaria. Oggi è il suo compleanno e ho deciso di fargli una bella torta di compleanno a base di pollo! Tanti auguri shenny!!!


giovedì 21 ottobre 2010

Mele dell'amore per "Biancaneve e i sette nani"

                          Con questa ricetta partecipo al contest di Araba felice "Inventa...mela"



Quando si parla di mele, come si fa a non citare "Biancaneve e i sette nani"? La mela è l'emblema di questo cartone animato! Un consiglio... non fate vedere questo cartone ai vostri bambini....... non mangeranno più frutta! :-) Strano come questo frutto sia sempre stato associato al male.....fa così bene! E' scientificamente provato che una mela al giorno riduce addirittura il rischio di tumori e malattie. Mah! Colpa dei nostri padri medievali? Probabile! Infatti in latino "mela" si dice "malum", parola facilmente associabile a "male". Nonostante nella Bibbia il frutto proibito non fosse specificato, sin dal Medioevo, tale frutto si tramutò in mela, il simbolo del male e del peccato (non pensate che queste cose siano farina del mio sacco perchè l'ho lette su Wikipedia :-b )! Per me l'unico peccato è non mangiarsela! Io ci faccio pure colazione!
Comunque, tornando a Biancaneve, quando ero piccola mi ricordo che quando andavo al super mercato con mia madre, cercavo sempre una mela rossa come quella del cartone. Mi piaceva da morire quel colore! E poi quella canzoncina famosissina chi se la dimentica....eh oh eh oh, andiamo a lavorar....! :-)))  Non riesco mai a ricordarmi tutti i nomi dei sette nani! Vediamo se senza cercare su Internet riesco a citarli tutti... Cucciolo (il mio preferito), Brontolo, Pisolo, Eolo......eh......basta.....non me li ricordo più! Esisteva pure Mammolo? O me lo sono inventato? Comunque, dato che le mele fanno bene ho pensato di proporvi le mele dell'amore o semplicemente le mele caramellate, che insieme all'amore fanno sicuramente bene allo spirito! Forse sono un pò peccaminose ma ditemi....tra tutti i peccati capitali, chi non mai peccato in Gola! Io ormai lo sponsorizzo! :-)


lunedì 18 ottobre 2010

Pane elfico per "Il signore degli anelli"

Un colossal impossibile da dimenticare! Nove ore di effetti speciali di tutto rispetto! Quando uscì il primo episodio, fui l'unica tra i miei amici a non vederlo. Non m'interessava... ma poi sono stata convinta a vederlo ( o forse costretta!) da due miei amici fissati per i giochi di ruolo e devo dire che è proprio bello e fatto bene! La prima volta che lo vidi rimasi di stucco quando il film finì all'inizio del viaggio (sto parlando della Compagnia dell'anello, il primo episodio) e infatti ci ero rimasta male però poi mi sono vista tutta la trilogia. Mi ricordo che uscita da casa della mia amica ero distrutta. Non ero abituata a vedere tre ore di film tutte di fila ed infatti appena tornata a casa avevo la febbre a 38°. Ci mancava poco e parlavo elfico anch'io! Mica mi avevano detto niente sul fatto che durava così tanto e finiva il quel modo! Se mi davano tutti e tre i film insieme, probabilmente, ce l'avrei fatta a rinchiudermi dentro casa nove ore! Ma stare 3 ore lì per poi non gustarsi il finale.. capitelo da soli! Mi avevano pure affibbiato un nome elfico tipo elenhim o roba del genere! Pff!
La storia mi rifiuto di raccontarvela perchè è troppo lunga ma la ricetta è molto appetitosa e abbastanza nutriente visto che riesce a sfamare Frodo e Sam per tutta la missione, ed è il pane elfico, il quale, come dice Legolas "con un solo morso riempe lo stomaco di un uomo adulto!" Si vede che non conoscevano la cucina di mia nonna! :-\


                         Con questa ricetta partecipo al contest di Sara di Cook and the city "Ricette da Oscar"


venerdì 15 ottobre 2010

Biscotti e the per "Alice nel paese delle meraviglie"

Film, cartone animato o romanzo... scegliete voi tanto è bello in qualsiasi modo. E' meraviglioso! Sin da piccola, me lo vedevo sempre e la trasposizione cinematografica di Tim Burton è bellissima! Devo dire che i retroscena del romanzo sono alquanto inquietanti. Durante una lezione di "letteratura per l'infanzia" la professoressa lo denominò addirittura "spaventoso". E facendo qualche ricerca qua e là, ho scoperto che è il cartone animato che più mette a disagio i bambini. Mah, a me piaceva tanto! Chi l'ha visto in 3D al cinema sarà d'accordo con me. Certo.... qualcosa è diverso rispetto alla versione della Disney e del libro ma il film è bello comunque! La storia la conoscete tutti, così come saprete che uno dei personaggi della storia, il Cappellaio Matto, è the-dipendente. Ebbene, l'ora del the è sempre accompagnata da gustosi biscottini no? E Alice dopo averli mangiati è entrata nel mondo delle meraviglie, giusto?  Eccoli qua, gustosissimi! Spero che anche a voi facciano il suo stesso effetto! :-)



giovedì 14 ottobre 2010

Il mio primo premio... "Happy 101"


Questo premio mi è stato donato dalla coppia più simpatica della blogosphere, Luca e Sabrina. Avete presente Sandra Mondaini e Raimondo Vianello? Noooo, non fisicamente, la loro spontaneità, la loro genuinità e allegria? Beh, Luca e Sabrina t'infondono tutti questi sentimenti tramite le loro foto, non lo dico per fare la parte...sul serio! Non ci credete? Andate a trovarli...sono sicura che vi accoglieranno così come hanno accolto me all'inizio di questo mio progetto cineculinario! Il premio prevede che io scriva 10 cose che mi piacciono e passarlo a 10 bloggers. Siete curiosi? Eccole qua:




Gli animali e il loro amore incondizionato e sincero








Il buon cibo, specie i dolci, che attraverso il loro sapore e odore regalano sensazioni sublimi









 Vedere un bel film sotto una copertina calda calda e con una bella tazza di the mentre la pioggia sbatte sui vetri








La musica, quella che sembra stia parlando di te







I massaggi che riescono a distenderti dopo una brutta giornata






La pittura che attraverso le sue linee e i suoi colori ritrae quel particolare che la maggiorparte di noi non nota







Osservare le persone distratte nella loro quotidianità, nelle loro abitudini o semplicemente nei loro pensieri





Il silenzio della notte, quando apri la finestra e non vedi e senti nessuno, quando riesci a gustarti i paesaggi senza alcuna distrazione e senza alcun rumore






Le sorprese inaspettate








Le belle giornate di domenica mattina, quando c'è un leggero sole che ti scalda il cuore e il rumore della natura che ti circonda t'infonde un benessere generale in tutto il corpo




      Dono questo premio a:
      Shamira Gatta
      Giulia Pignatelli
      Eliana Pessoa
      Claudia
      Kat
      Speedy 70
      Valentina
      Lucia
      Maria Luisa
      Sonia Barreira

      Avrei voluto donarlo a tutti coloro che mi seguono o semplicemente mi vengono a trovare ogni tanto ma purtroppo lo si può donare solo a 10 bloggers. A coloro che non ho menzionato dono il premio:


      Grazie ancora!
      Claudia

      P.s:  mi sono dimenticata di mettere che mi piacciono i viaggi.. vabbè sarà per un altro premio! :-b Baci

      lunedì 11 ottobre 2010

      Contest "Dolcetto o scherzetto?"



      Ed eccomi qua, al mio primo contest! Solo qualche mese fa non sapevo neanche cosa volesse dire questa strana parola e invece adesso sono io a proporvelo. Come cambiano le cose eh? E dato che ci avviciniamo alla festa di Halloween che ne dite di preparare qualche dolcetto a tema? Lo so... non è una nostra festa...ma nulla vieta di preparare qualche pietanza ad essa ispirata!
      Le regole sono:
      - preparate una ricetta (antipasto, primo, secondo, dolce, una bevanda....inventate una sostanza commestibile...insomma fate voi!) decorata a festa! Ci dev'essere almeno un rimando ad Halloween. Tipo: risotto di zucca con un fantasmino vicino o servito dentro una zucca decorata...insomma sbizzarritevi!
      - Lasciate un commento con il vostro nome a questo post con l'indirizzo del vostro blog.
      - Unitevi ai miei sostenitori, chi già lo è ovviamente ne è escluso.
      - Inserite il banner di Jack Skeleton sia all'inizio della ricetta con la quale partecipate, sia nelle colonne laterali del vostro blog, e se vi va scrivete due parole sull'iniziativa ( logicamente quest'ultima cosa è facoltativa e non siete per niente obbligate a farlo).
      - Potete partecipare anche con una ricetta già postata, l'importante è che ci sia la decorazione a tema e che sia specificato nel post che la ricetta partecipa al contest.
      Nonostante Halloween si festeggi il 31 Ottobre, il contest finirà l'11 Novembre, così avrete tutto il tempo di postare le vostre ricette dato che oggi siamo già all'11 Ottobre ( sono la solita ritardataria!).
      Il vincitore che verrà estratto a sorte, si aggiudicherà come premio il dvd di un celebre film della quale ho già parlato nel mio blog! Curiose eh? Come dicono a Roma: "che dite, se po fà?"
      Mi raccomando per ogni chiarimento, non esitate a chiedere!  
      Un bacio
      Claudia

      Partecipanti: 

      Torta di Vianne per "Chocolat"

      Che bel film! E che bella morale! Chiunque può cambiare il corso delle cose. Bello, bello, bello! Se non l'avete visto, vedetelo e mi raccomando... comprate una scatola di cioccolatini in caso di emergenza, così se avete voglia di cioccolato non dovrete correre per casa a cercarlo! Vianne Rocher (Juliette Binoche) è una pasticcera specializzata in creazioni di cioccolato che si trasferisce in un piccolo paese insieme alla figlia. Apre una cioccolateria in piena quaresima suscitando i pettegolezzi e i sospetti da parte di tutti i cittadini, primo fra tutti, il Conte de Reynaud. Man mano che passa il tempo, Vianne riuscirà a conquistare gli animi di tutti i paesani, attraverso la sua dolcezza e la sua simpatia e s'innamorerà di uno zingaro, anche lui appena arrivato nel paese, Roux (Johnny Depp). Così come in altri film, ci sarebbero tanti dolci alla quale far riferimento, ma la torta più popolare del film è sicuramente la torta di Vianne. Lei ne offre un pezzo ad un bambino che nonostante le restrizioni dovute alla quaresima ne addenta un pezzo andandosene via tutto contento! Voi che cosa avreste fatto al posto suo? :-)




      giovedì 7 ottobre 2010

      Pasta alla puttanesca per "Lemony Snicket, una serie di sfortunati eventi"

      Film molto piacevole e alla portata di tutti. Jim Carrey, nonostante in questo film interpreti la parte del cattivo, non rinuncia a far ridere con quelle espressioni che tanto lo hanno reso celebre, senza contare che Meryl Streep e Dustin Hoffman ne fanno da garanti. Atmosfere lugubri ed esotiche si uniscono in un tutt'uno per creare un vero e prorio film surreale in stile Tim Burton, infatti in origine il compito di dirigere il film era stato affidato a lui. La storia si concentra su 3 fratelli (2 sorelle e un fratello) che orfani dei loro genitori vengono spediti a casa di uno zio perfido e un pò matto, interpretato da Jim Carrey. Interessato al loro patrimonio cerca di ucciderli, ma i 3 fratelli si salvano e si trasferiscono a casa di un altro zio, questa volta buono e sensibile. Ma la loro fecilità durerà poco perchè ben presto si ripresenterà alla loro porta il perfido zio, il conte Olaf che deciso a terminare ciò che aveva iniziato, farà di tutto per rovinare la vita ai fratelli Baudelaire.
      La ricetta legata al film è la pasta alla puttanesca che i tre fratelli preparano al conte e alla sua compagnia teatrale. Non sapendo cucinare si arrangiano come possono, riuscendo, tutto sommato, a preparare una buona cenetta che ahimè non viene apprezzata dallo zio. Infatti, Violet, fiera del piatto, gli presenta la puttanesca e lui le risponde: "come mi hai chiamato?" Davvero comico!



      sabato 2 ottobre 2010

      Porridge per "Harry Potter e l'ordine della fenice"

      Se vi fate un giretto per Internet in cerca di notizie sulla saga del famoso maghetto, troverete una marea di ricette estrapolate dal libro. Sfortunatamente nei film non appaiono (vi prometto che le cercherò più approfonditamente nei film) ma mi sembrava giusto inserirne una in particolare che è la mia preferita: "porridge". Si, perchè secondo le mie ricerche, sarebbe un ingrediente importante per la colazione dei maghi e dato che questi campano più a lungo di noi, perchè non provare!? Io ne sono letteralmente innamorata e per molto tempo è stato la mia cena preferita! In questo post non accennerò molto sull'intera saga, volevo semplicemente concentrarmi su questa ricetta che viene menzionata da più persone che hanno letto il libro! L'episodio alla quale è legato la ricetta è "L'ordine della fenice" ed è il pasto preferito della professoressa Dolores Umbridge, ma da quanto mi ricordo non penso di averla mai vista mangiare porridge nel film. E voi direte... e perchè ce l'hai messa!? Perchè Harry Potter è diventato famoso in seguito alla realizzazione del film, così come il Signore degli anelli, o tanti altri libri che finchè non ci arriva Hollywood non sono per niente famosi! Dunque essendo un prodotto reso celebre grazie ai suoi attori, Daniel Radcliffe, Emma Watson e Rupert Grint, perchè non citarlo? Vi prometto che la prossima volta che ne sentirete parlare in questo blog, le ricette saranno più mirate, nel frattempo gustatevi "sta bontà!"