mercoledì 1 dicembre 2010

Strudel di mele per "Bastardi senza gloria"

Nella mia vita ho incontrato molte persone fanatiche di Quentin Tarantino. In effetti, bisogna ammettere che ha uno stile tutto suo e alcuni suoi film sono davvero grandiosi. Ma questo....! Non dico che sia brutto, ma a me personalmente non è piaciuto! Leggendo la trama devo dire che mi ero convinta a vederlo, ma poi mi sono ricreduta! Non chiedetemi il perchè, non lo so, non mi ha entusiasmato molto! Mi ha un pò annoiato! Certo è che la storia dei vendicatori ebrei americani non è male! Specie il modo in cui li fanno fuori............alquanto particolare! La storia è un pò lunghetta ma in sintesi tutto si basa sulla vendetta nei confronti dei nazisti. Mentre per quanto riguarda la ricetta.... beh, stento a credere che esista una persona in grado di dire che sia cattiva. Strudel di mele! Nel film viene servita in un piatto con della panna e devo dire che fa venire proprio l'acquolina in bocca!






Ricetta:


1 rotolo di pasta sfoglia
3 mele renette
2 cucchiai di vermouth
2 cucchiai di zucchero
tuorlo e zucchero per la sfoglia

Tagliare le mele e metterle in un pentolino con lo zucchero, il vermouth e un goccino d'acqua. Lasciar cuocere le mele a fiamma bassa con un coperchio fino a farle diventare ben cotte e asciugate dall'acqua. Lasciarle freddare. Aprire la sfoglia, adagiare le mele, fare un rotolo e sigillarlo bene ai lati. Fare delle incisioni sopra la pasta e spennellarla di uovo e zucchero. Infonare a 180° in forno preriscaldato fino a completa doratura.

14 commenti:

  1. Buonissime ste sfogliatine.. e veloci da fare!!! smackkkkk e buona giornata..

    RispondiElimina
  2. che bontà questo piccolo strudel!
    ho visto anche io il film e non ha entusiasmato neanche me... e pensare che è stato inserito da ciak tra i migliori 25 film del decennio 2000-2010!!!! ma come si fa??? non è di certo un capolavoro, solo un filmetto con lo stile caratteristico di tarantino!

    RispondiElimina
  3. Ciao Klod,
    sono una nuova lettrice del tuo blog, mi piace molto anche perchè tempo fa avevo pensato di fare una cosa simile ma con i libri...seguirò il tuo esempio! complimenti, molto carino davvero!
    Vale

    RispondiElimina
  4. Grazie vale per esserti unita ai miei sostenitori! T'incoraggio nella tua idea e sono proprio curiosa di vederla realizzata!
    Grazie Queen....a me sinceramente fanno un pò ridere queste classifiche! Le trovo totalmente inappropriate e a volte fanno certi flop! Concordo con il tuo modo di vedere! Baci

    RispondiElimina
  5. Io il film lo guardato con il telecomando in mano, cioè ogni tanto andavo avanti.Infati la scena del strudel, me la sono persa.Il tuo e sicuramente ottimo.

    RispondiElimina
  6. WOW, direi che è piaciuto a tutti questo film! :-) La scena dello strudel vale la pena vederla solo per lo strudel che con la panna fa venire davvero fame! Grazie Lilly! Baci

    RispondiElimina
  7. Ciao Klod! Ho un regalino per te sul mio blog :)

    RispondiElimina
  8. mi hai fatto venire fameee tuuuu!!!
    Un bel dolcetto in effetti...dopo cena no?
    :D
    Kloooood di dove seiii?!!?! :D

    RispondiElimina
  9. Buono il mini-strudel! *_*

    RispondiElimina
  10. La lentezza del film credo sia dovuta al fatto che è poco cinematografico e molto molto molto teatrale. A me è piaciuto un sacco. E mi piace molto anche il tuo blog, carina l'idea di mettere insieme cibo e cinema :)

    RispondiElimina
  11. X Robjana: vengo subito a vedere!
    X Claudia: Anche a colazione per iniziare la giornata non sarebbe male! Io sono nata a Roma, sono innamorata di questa città ma da svariati anni abito in provincia di Rieti, a un'ora da Roma! :-( Mi manca la capitale! Baci
    X Ann: Grazie mille!
    X Barbara: Quentin Tarantino ha uno stile tutto suo! Come Woody Allen! O ti piace o lo detesti! Sono contenta che ti piaccia il blog! Grazie! Baci

    RispondiElimina
  12. Love hearing a female perspective on this picture. Well written.

    RispondiElimina
  13. Love, love..adoro lo strudel di mele!
    E questo è anche molto carino!
    Laura@RicevereconStile

    RispondiElimina

La parola "commento" proviene dal latino "commèntum" che significa "trovato" o " parto della mente" ed ha la stessa base etimologica di "commentàri" che significa meditare e immaginare.