lunedì 8 novembre 2010

Tortino di patate dolci per "Io Robot"

Non male! Direi che l'idea del postino robot non mi dispiacerebbe. Insomma, immaginatevi di vivere in un mondo di: carabinieri robot, fornai robot, maestri robot, cassieri robot......tutto robotizzato! Beh, adesso possiamo giusto immaginarcelo, ma chi lo sa se un giorno davvero accadrà? E sono sicura che allora rimpiangeremo i vecchi tempi, così come sta succedendo adesso. La tecnologia è una gran cosa, ci facilita la vita sotto molti aspetti ma si sa "il troppo, stroppia!" e purtroppo l'uomo questa cosa ancora non l'ha capita! Il tema è fondamentalmente questo. Il mondo è governato da macchine che a un certo punto si scagliano contro l'uomo. Tema caro ai registi, dato che l'avevo già sottolineato nel post precedente riguardante il film Matrix. E Will Smith, da tradizionalista convinto, non accetta questo nuovo modo di vivere, rimpiangendo i nostri "vecchi" tempi. Sarà lui infatti l'eroe della storia che salverà il mondo dai robot assatanati. Se vi piace il genere..ve lo consiglio. La ricetta del film è il tortino di patate dolci che la nonna gli prepara per viziarlo un pò con il suo dolce preferito. In fondo le nonne servono a questo no? :-)








Ricetta:

350 g. di patate dolci cotte e schiacciate
180 ml. latte
50 g. burro
cannella
75 g. di zucchero

Per la frolla vi rimando a questo post

Fare un purè e unire tutti gli ingredienti. Stendere la pasta, metterla in una teglia, bucherellarla e metterci dentro il composto. Mettere in forno a 180° per 30-35 minuti.

10 commenti:

  1. Mitica!! :D
    non c'è che dire..

    RispondiElimina
  2. I piacciono i tuoi percorsi mentali
    Barbara

    RispondiElimina
  3. :-) Ah ah! E a me piace il termine "percorso mentale"... rende al massimo l'idea! Io di solito sono più volgarotta e dico "pippe mentali"....diciamo che è la stessa cosa! :-)
    Grazie Barbara! Baci

    RispondiElimina
  4. Che brava!Mi piace molto tuo blog e ricette un po' tutto originale!Brava da vero!Buona giornata. Romana

    RispondiElimina
  5. ihihih: mi piace che le hai chiamate papate :)
    Sei sempre bravissima Klod!!

    RispondiElimina
  6. x Romana: grazie davvero, mi fa molto piacere, grazie
    x Robjana: per fortuna che me lo hai fatto notare sennò sai quando me ne sarei accorta!? Che sbadata! Grazie baci

    RispondiElimina
  7. Klod! Ma erano deliziose anche le papate :)
    Lieta di essere stata utile.
    Un bacione

    RispondiElimina
  8. Ottimo questo piatto, credo che ci finiranno le patate dolci che ho comprato senza sapere bene cosa farci :-)

    RispondiElimina
  9. Grazie arabafelice....in effetti è particolare..ma moooolto buono e semplice!!! Baci

    RispondiElimina

La parola "commento" proviene dal latino "commèntum" che significa "trovato" o " parto della mente" ed ha la stessa base etimologica di "commentàri" che significa meditare e immaginare.