lunedì 13 settembre 2010

Blinis dermidoff per "Il pranzo di Babette"

A dir la verità, questo non è il genere di film di cui vado pazza. Anzi, l'ho dovuto vedere a varie riprese tanto che mi annoiava! E poi per non parlare dei suoi personaggi che mi hanno proprio irritato! Che nervi! Immaginatevi di preparare un pranzo o una cena per degli ospiti. Vi sbizzarrite nell'andare a comprare dell'ottimo cibo e a preparare un buon menu. Per giorni allestite i preparativi e il giorno della cena, quando servite a tavola i vostri piatti nessuno vi fa un complimento o un commento riguardo al cibo, nemmeno un grazie. Oltretutto, dopo che ci avete speso 10.000 euro per organizzarlo (10.000 franchi)! Ma v......! Scusate ma quando ce vò, ce vò! Povera Babette, ma chi te l'ha fatto fare! La storia tratta di due sorelle, figlie di un decano inventore di una nuova religione. Queste poverette vivono nella più totale monotonia, senza potersi mai ribellare al padre e logicamente senza potersi sposare. Gli stranieri che arrivano non riescono a stravolgere la quotidianità del paesello, che è popolato in particolar modo da fanatici religiosi. L'unica che ci riuscirà tramite la sua determinazione sarà Babette e sebbene il cibo per loro è considerato uno strumento per congiungersi al maligno, dovranno ricredersi dopo aver assaggiato le delizie di Babette ( a parte il brodo di tartaruga che non assaggerei neanche sotto tortura)! La ricetta legata a questo film si chiama "Blinis Dermidoff"! Non lasciatevi spaventare dal nome, è un tipo di canapè che detto così fa più figo! Quando avete ospiti a cena mi raccomando... ditegli che avete fatto il Blinis Dermidoff e gustatevi le loro facce a punto interrogativo! :-D









Ricetta:

170 g. farina
50 ml panna
1 cucchiaino di lievito di birra
2 uova
300 ml di latte tiepido
sale
salmone
philadelphia
uova di lompo o caviale

Sciogliete il lievito nel latte. Nel frattempo mescolate i tuorli con la farina, il sale e la panna. Aggiungete il lievito con il latte e alla fine le chiare montate a neve. Cuocerle in padella con un filo di burro come le crepes!
Servire con la philadelphia, il salmone e le uova di lompo.


7 commenti:

  1. Mia cara, a me invece questo film è piaciuto tantissimo!!!!! Ma mi viene da ridere all'idea di te che ti annoi e sbadigli davanti allo schermo ;))))))
    Comunque trovo questa ricetta di blinis veramente ottima, mi sa che la provo, con la panna acida al posto del philadelphia ;)

    RispondiElimina
  2. Hai centrato alla grande la situazione! Hai presente quando a scuola facevano vedere i film noiosi sulle guerre o su personaggi famosi, dove la maggiorparte degli alunni nella più totale disperazione si mettevano a scarabocchiare in qualche foglio e alla fine chi si vedeva il film era solo il professore? Beh, uguale! Però è una questione di gusti e dato che non sei la prima che sento a cui gli è piaciuto magari sono io l'esigente! Cmq l'idea della panna acida non è male!!!! Baci

    RispondiElimina
  3. porca paletta ma devono essere ottime!!! brava brava brava... :-)) buona giornata!!!
    ps: io quel film non l'ho mai visto...

    RispondiElimina
  4. Babette sa che il pranzo piace... Non so se hai notato come cambia il comportamento dei commensali rispetto a quello che han fatto vedere nella prima parte del film (all'inizio si odiano, mentre alla fine se ne vanno ballando insieme...).

    E, come lei stessa dice, è stato un pranzo che ha fatto anche per se stessa.

    Io lo considero un film stupendo.

    RispondiElimina
  5. Il cambiamento è visibile anche per sottolineare la bravura di Babette nel preparare il cibo... so che è un film anche pluripremiato quindi non mi metterei mai a dire che fa schifo anche se a volte gli Oscar vengono risparmiati per film peggiori di tanti altri in gara! Non sono una critica ma semplicemente mi affido ai miei gusti e a me non è piaciuto..questione di gusti! :-)

    RispondiElimina
  6. mah... è un film eccezione.. solo per palati fini!

    RispondiElimina

La parola "commento" proviene dal latino "commèntum" che significa "trovato" o " parto della mente" ed ha la stessa base etimologica di "commentàri" che significa meditare e immaginare.