giovedì 12 agosto 2010

Torta della mietitura per "Drag me to hell"

Torta buonissima per un film flop. Forse sono troppo critica con i film dell'orrore ma secondo me un buon film di questo genere deve saper far paura. E questo non mi ha fatto per niente paura! Anzi.... sono contenta di non averci speso i soldi per vederlo al cinema, dato che quando ho visto il trailer era quella la mia intenzione. Non è la prima volta che vedo un film di Sam Raimi ( regista di Spiderman, La casa, Pronti a morire ecc.) e sinceramente non vado pazza per i suoi film horror, eccezion fatta per l'Armata delle tenebre, quello è fantastico. Però quest'ultimo invece di farmi paura mi fa ridere ! Alison Lohman se lo poteva proprio risparmiare questo ruolo, dopo Sweet Oleander mi aspettavo un'ascesa da record. Eh vabbè, è pur sempre Sam Raimi.
Christine Brown è un'agente di banca con una vita perfetta. Un giorno si presenta alla banca una vecchia signora che la implora di prolungare la scadenza di un prestito per la casa. A malincuore, Christine rifiuta di prorogare la scadenza e la vecchietta le lancia una maledizione che la perseguiterà per tutto il film. A differenza della pellicola però, la torta (the harvest cake) che Christine prepara alla famiglia del fidanzato è favolosa! Non lasciatevi "spaventare" dalle zucchine... ci stanno una favola!






link per il trailer in italiano




Ricetta:

250 g. farina
190 g. zucchero
2 cucchiaini di cannella
1 1/5 cucchiaino di lievito vanigliato
un pizzico di sale
1 zucchina
1 carota
1 mela
125 g. di noci ( si possono anche mischiare mandorle e pinoli )
2 uova
50 ml. di olio di canola o di semi di girasole
50 ml. di latticello

Per il latticello vedere qui
Frullare le verdure e la frutta insieme grossolanamente o tagliare a julienne. A parte mischiare la farina, lo zucchero, il lievito, il sale e la cannella . Unire le verdure , la mela, le noci e tutto il resto degli ingredienti. Ungere uno stampo per torte con del burro ed infarinarlo. Cucinare in forno a 180° per un trentina di minuti ( io non ho controllato il tempo che ci ha messo la torta per cuocersi ma sono andata a occhio e ho controllato più volte con lo stuzzicadenti ).





2 commenti:

  1. Non guardo i film dell'orrore, sono una gran fifona :-)

    Però la tua torta mi piace eccome!!!

    RispondiElimina
  2. Fidati.. questo fa proprio ridere! Bacioni

    RispondiElimina

La parola "commento" proviene dal latino "commèntum" che significa "trovato" o " parto della mente" ed ha la stessa base etimologica di "commentàri" che significa meditare e immaginare.