martedì 10 agosto 2010

Beef Bourguignon di Julie & Julia

Questo film rappresenta tutte noi! Se non l'avete visto, vi prego vedetelo. Ci sono talmente tante ricette che di certo non sarà l'ultima volta che ne sentirete parlare in questo blog. La storia si basa su due donne di due epoche diverse. La prima, quella che ci riguarda, è una trent'enne che per dare una svolta alla sua vita decide di creare un blog con tutte le ricette di Julia Child. La seconda è appunto Julia Child, personaggio famoso per aver introdotto la cucina francese in America e per aver rivoluzionato il modo di cucinare americano. Un film stupendo che parla d'amore, amicizia, sogni, speranze e passioni. E poi Meryl Streep è troppo brava nel ruolo di Julia Child, con quell'aria da sbronza sempre affaticata. La ricetta più famosa del film è la "boeuf bourguignon", un piatto di grande effetto anche se un pò laborioso, ma sicuramente da provare! Bon appétit !








Ricetta:

160 g. di pancetta
1.4 kg. di polpa di manzo a cubetti di 7 cm
1 cucchiaio di olio d'oliva
1 carota tagliata a listarelle grandi
1 cipolla affettata grossolanamente
1/4 di cucchiaio di pepe
1 cucchiaino di sale
2 cucchiai di farina
700 ml di vino rosso
2/3 tazze di brodo di carne ( 500/600 ml )
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
2 spicchi d'aglio
1/2 cucchiaino di timo
1 foglia di alloro

Versare la pancetta in una casseruola e ricoprirla d'acqua. Cuocere per 10 minuti. Scolarla, asciugarla e metterla da parte. Riscaldare il forno a 230°. In un tegame da forno rosolate la pancetta con l'olio per 2-3 minuti  e metterla da parte. Nello stesso tegame aggiungere la carne ben asciutta e rosolarla poco per volta, scolatela e mettetela da parte. Sempre nello stesso tegame far rosolare la cipolla e la carota nel grasso della carne. Togliete il grasso e aggiungete la carne con la pancetta. Condire con sale e pepe e mettere la farina. Passare in forno per 4 minuti senza coperchio. Mescolare e rimetterla nel forno per altri 4 minuti. Abbassare la temperatura a 160°. Rimettere la pentola sul fuoco e aggiungere il vino e il brodo tanto da coprire il tutto. Aggiungere il concentrato di pomodoro, le erbe e l'aglio e portare ad ebollizione. Coprire la casseruola e infornare. Regolare il calore, il liquido deve sobbollire per 2 ore e mezza. La carne è pronta quand'è tenera. Se il fondo di cottura è ancora troppo liquido, farlo rapprendere a fuoco vivo.

Contorni:

Cipolline brasate:
1 cucchiaio e 1/2 di burro
20 cipolline bianche
1/2 cucchiaio di olio
120 ml di brodo di carne
1 foglia di alloro
1 rametto di timo
2 rametti di prezzemolo
sale e pepe

Scaldare l'olio e il burro e aggiungere le cipolline. Giratele senza farle rompere. Aggiungere il resto degli ingredienti e cucinare fino alla cottura delle cipolline e fino al completo assorbimento del liquido.

Funghi saltati:

450 g. di funghi champignon tagliati a lamelle
2 cucchiai di burro
1 cucchiaio di olio
sale e pepe

Saltare i funghi in olio e burro fino a farli diventare belli croccanti. Salate e pepate.













9 commenti:

  1. Ehhh si, non ho ancora visto questo film e spero di rimediare e tu sei bravissima ;)))

    RispondiElimina
  2. Grazie, sei troppo gentile! Allora non appena lo vedi mi dici cosa ne pensi! Baci :-h

    RispondiElimina
  3. Io lo so praticamente a memoria, la bourguignon è ormai un mio piatto forte, ovviamente con la ricetta di julia child, è davvero ottima, ma praticamente tutte le ricette di julia che sto provando sono perfette!!!!
    Sul mio blog ho creato una sezione "sulle orme di julia child" per ora non ci sono molte ricette, ma le sto traducendo pian piano dal libro, e sono una più buona dell'altra ^^
    Di ricette che compaiono nel film ho fatto il poulet roti, e il pollo panna funghi e porto che fa julie, le cipolline agrodolci, e appunto questa ricetta, ma non l'ho ancora pubblicata ^^

    RispondiElimina
  4. Ma dai.... quindi ti stai impersonando in Julie! Che bello.. e dimmi un pò com'è il libro.. l'hai trovato in un negozio o su internet? Perchè anch'io vorrei comprarlo. Verrò presto a trovarti sono proprio curiosa di vedere le tue ricette.. baci

    RispondiElimina
  5. Il libro me lo ha passato un ragazzo carinissimo che segue il mio blog, è scannerizzato, ed in inglese, non facile la traduzione per via delle unità di misura differenti dalle nostre, io spero di trovarlo in Italiano, so che fu pubblicato da Gambero Rosso, intanto se ti accontenti della versione Inglese te lo spedisco via mail,
    se le traduzioni non ti ispirano così tanto passa da me qualche volta, che anche oggi ne ho sperimentate altre 2 ^^

    RispondiElimina
  6. Si mi piacerebbe se mi passassi il libro...all'università faccio lingue e traduzione quindi fidati preferisco tradurre Julia almeno è quello che piace a me piuttosto di tradurre quello che ci passano all'università.. Shakespeare, Eliot, Auden.... per carità... non ho niente contro di loro, ma tu quali preferiresti? :-) Baci

    RispondiElimina
  7. P.s ...non vedo l'ora di provare i porri gratinati...sembrano fantastici! Mi terrò aggiornata tramite il tuo blog bacioni

    RispondiElimina
  8. buoni buoni si ^^
    ma preferisco senza ombra di dubbio le cipolline e la bourguignon, Shakespeare mi piace ma vuoi mettere con un bel libro di cucina?
    ahahahahahah
    contattami via mail che ti mando il libro!!!

    RispondiElimina
  9. Il mio prof di letteratura mi ucciderebbe se mi sentisse dire una cosa del genere ma le passioni sono passioni e su questo ci ritroviamo d'accordo, vada per il libro di cucina... BACIONI

    RispondiElimina

La parola "commento" proviene dal latino "commèntum" che significa "trovato" o " parto della mente" ed ha la stessa base etimologica di "commentàri" che significa meditare e immaginare.